Casa Internazionale delle Donne: cosa prevede la mozione approvata in Campidoglio dal M5s Prevista l'apertura ad altre “realtà associative” dello stabile in via della Lungara - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

19-05-2018

Casa Internazionale delle Donne: cosa prevede la mozione approvata in Campidoglio dal M5s

Prevista l'apertura ad altre “realtà associative” dello stabile in via della Lungara


Responsive image

Roma. Approvata il 17 maggio, con 27 voti favorevoli e due contrari, la mozione sulla Casa Internazionale delle Donne. «Basta all'inerzia, alla negligenza e all'incuria perché il debito più grande verso la città è stato maturato da chi, in questi decenni, la città ha governato» ha sostenuto davanti alle attiviste la consigliera pentastellata e promotrice della mozione Gemma Guerrini. Fuori dal Campidoglio, nel giorno della votazione, si è riunito un gruppo di attiviste per sostenere la propria posizione, tanto da causare la sospensione della seduta a seguito della votazione.

 

«Chiediamo di valutare la creazione all'interno del complesso del Buon Pastore di un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale dei servizi per il sociale e pari opportunità diffusi, e a prevedere il coinvolgimento delle realtà associative mediante appositi bandi»: queste le ragioni espresse da Guerrini nel giorno della votazione tanto attesa. Tante le polemiche e le accuse che si sono alzate contro l'amministrazione di Virginia Raggi: «L'attacco ai luoghi delle donne da parte di questa amministrazione è intollerabile e pericoloso» fanno sapere le dirette interessate della Casa Internazionale delle Donne. L'iniziativa è stata letta dai membri dell'associazione come un vero e proprio attacco politico, come una negazione dell'importanza culturale e del peso politico del femminismo nella Capitale. 

 

Il punto che ha suscitato maggiori critiche è il “riallineamento alle moderne esigenze dell'amministrazione capitolina e della cittadinanza”  del progetto Casa Internazionale delle Donne, attraverso un'apertura ad altre realtà associative. Il testo votato nell'aula Giulio Cesare il 17 maggio non prevede direttamente lo sfratto dallo stabile del Buon Pastore, ma ne mina l'autonomia con l'istituzione di un centro di coordinamento gestito direttamente da Roma Capitale. Vi è però un debito di 800mila euro per l'uso del complesso di via della Lungara che rischia di determinare la chiusura della Casa delle Donne se non risanato in tempo. La presidente Francesca Kosh fa sapere ai giornali che il debito sarebbe da ricalcolare, e dichiara di aver proposto una rateizzazione dello stesso all'amministrazione capitolina, senza tuttavia ottenere risposta. Dall'altra parte, la consigliera Guerrini incalza le attiviste presentatesi al Campidoglio accusandole di «avere paura della verità»

 

di Eleonora Savona

 





Responsive image
Responsive image


POLITICA

Responsive image

Di Maio torna con una nuova proposta: le possibili imminenti elezioni fanno paura al pentastellato

Lo spostamento di Savona agli Interni ha riaperto uno scenario che sembrava tramontato

CULTURA

Responsive image

Word Press Photo: una mostra capace di raccontare un anno con gli occhi

A Roma, una mostra per fare il giro del mondo tra curiosità , natura, fatti



SALUTE

Responsive image

Cicciobello Morbillino è diventato un caso

In merito si è espresso anche il medico Roberto Burioni

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Come rispondere al fenomeno dilagante delle “fake-news”?

Numerose fondazioni, enti ed università hanno provato a proporre soluzioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Scontri Liverpool. Il ritorno Roma-Liverpool fa paura: se si ripetessero gli episodi di 34 anni fa?

Gravissime le condizioni del tifoso inglese rimasto ferito negli scontri di mercoledì

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia


Responsive image