"The Art of the Brick": quando un giocattolo si trasforma in espressione artistica La mostra dello statunitense Nathan Sawaya sarà ospitata nel Set di via Tirso a Roma dal 28 Ottobre al 14 Febbraio - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CULTURA

 

01-11-2015

"The Art of the Brick": quando un giocattolo si trasforma in espressione artistica

La mostra dello statunitense Nathan Sawaya sarà ospitata nel Set di via Tirso a Roma dal 28 Ottobre al 14 Febbraio


Responsive image

Nathan Sawaya è un artista statunitense classe 1973, che ha abbandonato la sua professione di avvocato nel 2004 per dedicare il suo tempo alla fantasia. La peculiare caratteristica di Nathan è quella di creare vere e proprie opere d’arte usando come mezzo un elemento che solitamente viene abbinato all’ambito del gioco e dell’infanzia: il mattoncino LEGO.

La sua mostra, “The Art of the Brick”, ha inizio nel 2007 nel Museo d’Arte di Lancaster. Dopo aver lasciato esterrefatti adulti e bambini di tutto il mondo (si è spostata infatti dal continente americano a quello asiatico, sino all’Australia) e dopo aver ottenuto un successo tale da essere inserita dalla CNN tra le 10 mostre al mondo da non perdere, è approdata al Set, lo spazio eventi di via Tirso a Roma. Sarà nella Capitale nell’arco di tempo che va dal 28 Ottobre al 14 Febbraio.

 

Passeggiando nella mostra si viene catturati dai colori: il rosso, il verde e il giallo dominano sulle pareti nere dell’allestimento. Composta da circa 80 opere, “The Art of the Brick” è un viaggio che ha una breve introduzione fatta di opere estremamente moderne, come “Hugman”, esempio di street art, composto da 273 mattoncini, è l’uomo che abbraccia tutto ciò che incontra; ma che ha il suo vero inizio con le riproduzioni degli emblemi per la storia dell’arte: come la “Gioconda” di Leonardo (creata utilizzando 4.573 mattoncini), la “Notte stellata” di Van Gogh (3.493 pezzi), “La grande Sfinge di Giza” (2.604 lego), “Il Bacio” di Klimt (18.693 mattoncini), il “Parthenon” (antico tempi dell’acropoli ateniese, 30.201 pezzi). La mostra prosegue attraverso opere di concetto, empatiche, di forte impatto; ognuna di esse rappresenta un pensiero, una sensazione, uno stato d’animo: “Loves me not”, è una donna, fatta di 10.213 lego, ed è la personificazione dell’amore eterno; oppure “Gray”, 21.678 mattoncini grigi che ritraggono il grido di un “ego” nascosto. “The Art of the Brick” termina con l’opera più imponente del percorso, nell’ultima sala, subito prima di un’area gioco adibita per la creatività dei più piccoli, troneggia un’enorme T-Rex alto 180 centrimetri e lungo 597, composto da 80.020 pezzi color avorio.

 

Il curatore dell’allestimento di “The Art of the Brick” Fabio Di Gioia ha evidenziato come la valenza e la fruizione dell’esposizione siano adatte ad un pubblico senza età: “Il lavoro di Nathan Sawaya colpice immediatamente, forse anche più l’adulto che il bambino. Le  opere infatti sembrano tutte facilmente realizzabili: basta avere a disposizione un buon numero di mattoncini e attaccarli secondo uno schema. Ma in The Art of The Brick c’è soprattutto l’elemento del genio, nascosto dal divertissement, che esprime sia l’arte, reinterpretandola, sia la condizione umana. E questo è piuttosto un gioco da adulti. Introdurre la mostra di Sawaya in Italia, riconosciuta terra del genio e dell’arte è dunque un atto vincente poiché ci sembra di riportare in Patria qualcosa che in fondo, ci appartiene”.

È, infatti, una mostra stupefacente, senza dubbio. È la dimostrazione di come anche un passatempo, con la fantasia, possa mutare in espressione artistica. È un itinerario intriso di colori, sogno, allegria. Ad ogni nuovo passo si rimane stupiti dalla meticolosità, dalla somiglianza con il reale. Ad ogni nuovo passo i grandi tornano ad essere un po’ bambini ed i più piccoli apprendono che anche una mostra, a volte, può trasformarsi in un gioco meraviglioso.

di Chiara Di Nicola
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

The Big Bang Theory diventa un giocattolo Lego: l'idea geniale di due designer
Da Sheldon a Leonard, ecco i volti dei personaggi

SCIENZE E TECNOLOGIA | 04-06-2015

Responsive image


POLITICA

Responsive image

Elezioni comunali 2017: il centrosinistra perde comuni, Renzi perde la lezione

'Le amministrative non sono le politiche', minimizza il segretario del Pd. Il...

ESTERI

Responsive image

Cina, frana travolge un villaggio

Travolte 40 abitazione del villaggio di Xinmo: circa 140 persone intrappolate sotto le...

CRONACA

Responsive image



SALUTE

Responsive image

Troppo caldo? 10 trucchi per resistere senza aria condizionata

Non vi ripeteremo di bere molta acqua e non uscire nelle ore più calde

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Cerchi lavoro? Da oggi ci pensa Google

Nasce Google for jobs che aiuta nella ricerca delle offerte lavorative online


Responsive image

SPORT

Responsive image

Roma: Il nuovo coro è già virale. Sulle note di Despacito la Curva Sud attende la prossima stagione

La nuova creazione verrà presentata ufficialmente al ritiro di Pinzolo

MUNICIPIO DEL MARE

L’associazione Ostia Protagonista segnala il pericolo incendi


Responsive image