Omicidio di Ancona: fidanzati sparano ai genitori di lei. Due o quattro vittime? Lui: 'Non volevo uccidere'. Due vittime per la giurisprudenza, quattro per la psicologia - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

08-11-2015

Omicidio di Ancona: fidanzati sparano ai genitori di lei. Due o quattro vittime?

Lui: 'Non volevo uccidere'. Due vittime per la giurisprudenza, quattro per la psicologia


Responsive image

Ancona. Un ragazzo di 18 anni, ieri, ha ucciso la madre e ferito gravemente il padre, che è in coma, della fidanzata di 16 anni. I due ragazzi, fuggiti poi in scooter, sono stati fermati dalla polizia alla stazione di Falconara Marittima. Sembrerebbe che i genitori della sedicenne si opponessero alla relazione della figlia con il diciottenne.

Via Crivelli: l’omicidio si è consumato nell’appartamento della famiglia ormai spezzata. La donna è morta subito, sparata alla testa. Il marito è in condizioni gravissime. Se, ieri, soltanto il diciottenne era in stato di fermo, accusato di omicidio, tentato omicidio e porto abusivo d’arma, oggi anche la ragazza è stata sottoposta a fermo per concorso in omicidio.

 

La ragazza, stando a quanto riferito dagli inquirenti, si sarebbe mostrata «glaciale»: non un tentennamento, non un cedimento, non un pianto. «Non volevo uccidere», avrebbe detto il diciottenne agli inquirenti: «Volevo solo un chiarimento, ma il padre ha avuto un atteggiamento aggressivo, mi è venuto addosso, e io ho sparato». A difesa del ragazzo è intervenuto suo padre: «L'hanno descritto come un mostro, ma mio figlio è un ragazzo buono: lei lo ha plagiato. La porta di casa dei genitori l'ha aperta lei. C'è stata una colluttazione, e lei ha detto di sparare».  

 

Si è concluso proprio ieri il XVII Congresso Nazionale di Psicologia Giuridica organizzato dall’Aipg, che quest’anno è stato dedicato alla violenza minorile, con il titolo I peccati del dio minore. La trama complessa della violenza minorile. Come ha sottolineato il presidente dell’Aipg, Paolo Capri, in questo contesto, l’Aipg è attenta alle vittime, e il minore può essere vittima di fattori che lo portano a deviare verso il criminale e lo psicopatologico. L’autore di reato è molto spesso, dunque, a sua volta, una vittima. E su una cosa, in particolare, si può intervenire: la prevenzione.

Parlare di “vittime” anche con riferimento agli autori di reato non vuol dire, però, giustificare. Come ha affermato ai nostri microfoni Anita Lanotte, Presidente dell’Istituto di Formazione Ceipa, «c’è l’adolescenza, ma poi ci sono gli adolescenti». Ci sono i disagi e i problemi, più o meno grandi, ma poi c’è il carattere. E se, come ha denunciato Isabella Mastropasqua del Dipartimento di Giustizia Minorile, «vi è una quota sempre maggiore di ragazzi che compiono reati perché soffrono dentro», non si può imputare alla famiglia, al contesto sociale e ai mali del secolo ogni responsabilità. Che limiti ha l’inconsapevolezza?

 

Nella storia che ci racconta oggi la cronaca, quante sono le vittime? Due o quattro? E quanto può essere semplicistico e riduttivo associare la parola “movente” al racconto del fidanzamento controverso? Quanto dovrà indagare la giurisprudenza? E quanto oltre dovrà andare la psicologia? Quanto dovranno collaborare? E quanto potranno farlo?

di Vittoria Montesano
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

'Ti amo da morire', uomini che uccidono le donne
I delitti passionali: ultimo appuntamento nel ciclo di eventi con la dottoressa Daniela Siciliano

CRONACA | 09-11-2016

Responsive image

«Sangue del mio sangue», i delitti in famiglia: cosa succede se il mostro vive in casa?
Secondo appuntamento sulla psicologia criminale con la dottoressa Daniela Siciliano

CRONACA | 02-11-2016

Responsive image

Nella mente del serial killer, perché uccide?
Primo appuntamento sulla psicologia criminale con la dottoressa Daniela Siciliano

CRONACA | 26-10-2016

Responsive image

XVII Congresso Nazionale di Psicologia Giuridica: le mille facce della violenza minorile
Da internet ai reati violenti: polizia di stato e psicologi a rapporto sulla questione minori in un incontro dal titolo "I peccati del Dio minore, la trama complessa della violenza minorile"

CRONACA | 09-11-2015

Responsive image

Responsive image

Con la morte nello zaino: chi sono gli school shooters?
Il prof. Adriano Zamperini, nel corso del XVII Congresso Nazionale di Psicologia Giuridica organizzato dall'Aipg, ha disegnato un profilo del minore che porta a scuola la morte

CRONACA | 08-11-2015

Responsive image

La teatroterapia di Franco Oscar Cusimano
Lo psicologo ci parla di cura del male di vivere e arte del comunicare

SALUTE | 07-11-2015



CULTURA

Responsive image

Roma: arriva il salone dedicato ai corsi di lingua: Language Expo

Fiera specializzata in viaggi studio all’estero



SALUTE

Responsive image

Cicciobello Morbillino è diventato un caso

In merito si è espresso anche il medico Roberto Burioni

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Come rispondere al fenomeno dilagante delle “fake-news”?

Numerose fondazioni, enti ed università hanno provato a proporre soluzioni


Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia


Responsive image