Sei troppo stressato? Lo capisci da come usi il computer, pochi lo sanno

Se temi che i tuoi livelli di stress abbiano raggiunto le stelle ma non sai come verificarlo, guarda come usi il computer

Oggi come oggi, la routine frenetica in cui siamo inseriti e alla quale siamo praticamente obbligati ad aderire causa ritmi di vita molto sostenuti. La produttività dev’essere sempre più alta e questo causa enorme stress, soprattutto se parallelamente a questi ritmi di lavoro si uniscono problematiche famigliari e personali da dover gestire. Se anche tu temi di essere sotto stress, ecco cosa devi verificare: basta un computer.

Scopri se sei stressato da come usi il computer
Guarda come usi il computer e scopri se sei stressato (pontilenews.it)

Quando siamo stressati, inevitabilmente e senza volerlo riversiamo il nostro nervosismo anche su chi colpe non ne ha, come ad esempio sui nostri parenti e famigliari. Per evitare che questo crei conseguenze difficili da gestire, è bene accorgersi subito della situazione in cui siamo e capire come riposarsi un po’. Se vuoi capire se sei stressato, quindi, guarda come lavori al pc: il metodo è incredibile.

Guardati al computer e scopri se sei stressato

Un esperimento condotto dal team di ricerca del Politecnico federale di Zurigo e pubblicato sul Journal of Biomedical Informatics ha sviluppato un modello matematico che ci dice quanto siamo stressati solo in base al modo in cui usiamo il mouse e la tastiera del computer. I ricercatori hanno coinvolto 90 partecipanti, i quali hanno lavorato in un ambiente che simulava le condizioni di un ufficio.

Scopri se sei stressato da come usi il computer
Guarda come usi il computer e scopri se sei stressato (pontilenews.it)

I lavoratori sottoposti al maggior stress, tramite interruzioni frequenti o messaggi a cui rispondere, hanno mosso il mouse molto più velocemente e con minor precisione. Chi invece era più rilassato, puntava la freccia in modo preciso. A livello di battitura, i primi hanno commesso molti più errori e hanno usato la tastiera a singhiozzo mentre, i secondi, prendevano pause meno frequenti ma più lunghe tra una digitazione e l’altra e hanno commesso meno errori.

Secondo i ricercatori, questa connessione tra i livelli di stress e il modo di usare la tastiera e il mouse si spiega attraverso la teoria del rumore neuromotorio. Questa teoria sostiene che alti livelli di stress influenzano negativamente sulle capacità cerebrali di elaborare le informazioni e di compiere attività motorie. Questa ricerca potrà essere utilizzata in ambito lavorativo dalle risorse umane per valutare le condizioni dei propri lavoratori: abbassando i loro livelli di stress, anche il lavoro da essi svolto sarà qualitativamente migliore.

Gestione cookie