Pesca, arriva lo stop in Italia: in questa regione per 3 anni

Brutte notizie per i pescatori e per tutti gli appassionati di pesca: è arrivato lo stop in Italia. In una regione durerà addirittura 3 anni.

La pesca è uno dei lavori più antichi della storia, e l’Italia è senza dubbio il leader in questo settore, poiché possiede oltre 8.000 km di costa. Ma quando è nata la pesca? In realtà, questo mestiere fonda le sue radici nel Paleolitico, cioè 40.000 anni fa. Tuttavia, i primissimi metodi creati per ingannare i pesci potrebbero essere nati addirittura nel 200.000 a.C. con i Neanderthal.

stop alla pesca in italia
In Italia arriva lo stop alla pesca – pontilenews.it

Questi ultimi utilizzavano dei cesti per intrappolare i pesci, e forse anche delle primitive reti da pesca. I primi pescherecci a vela, invece, sono stati realizzati soltanto nel 17° secolo, mentre il moderno peschereccio è nato nel 19° secolo.

In Italia arriva lo stop alla pesca

Nella Regione Puglia dal 5 maggio è vietata la pesca dei ricci nel mare pugliese. Questo provvedimento è molto più severo rispetto alle misure previste dal Decreto del ministero. Quest’ultimo stabilisce i metodi di pesca, la quantità di ricci da pescare e le loro dimensioni, che devono essere rispettati da tutti i pescatori e dagli appassionati alla pesca. Inoltre, il Decreto scritto dal governo impone il divieto di pescare i ricci solo nel mese di maggio e di giugno in tutto il territorio italiano.

La regione pugliese, invece, ha imposto il divieto di pesca dei bellissimi e buonissimi ricci di mare addirittura per un periodo lungo 3 anni. Tuttavia, in questo mese di giugno i ricci non devono essere presenti nei ristoranti italiani, poiché anche il Decreto del governo impone il divieto nel mese di giugno. Posso essere assaggiati solo i ricci pescati in precedenza e poi congelati. Un’esperta del settore ha dichiarato che è molto importante rallentare la diminuzione di questa specie marina, poiché con le tecniche di pesca moderne possono essere pescate grandi quantità di ricci.

stop alla pesca in italia
Divieto di pescare ricci in Puglia – pontilenews.it

Quindi, se non si applicasse nessun divieto, i pescatori e gli appassionati porterebbero questa specie all’estinzione. Inoltre, l’aumento di domanda per questi esseri viventi dei mari, è direttamente proporzionale alla loro diminuzione in tutto il Mediterraneo. E non solo: le tecniche di pesca risultano anche dannose per l’ambiente, poiché possono danneggiare la costa e i fondali. In più, bisogna ricordarsi che i delicatissimi ricci di mare vivono solamente 7-8 anni, perciò bisogna concedere loro il tempo di crescere e riprodursi.

Tutte queste preoccupazioni nascono anche dal fatto che la richiesta di ricci sta aumentando, soprattutto nei ristoranti. In commercio si trovano addirittura i ricci senza guscio, e questo aumenta ancora di più il desiderio di acquistarli.