Auto elettriche o ibride, guida alla frenata rigenerativa: cos’è, come funziona e quali sono i vantaggi

Un’auto elettrica sfrutta la frenata rigenerativa per catturare energia cinetica. Ma a cosa serve questa capacità così importante?

Le auto elettriche e ibride stanno cambiando il volto dell’industria automobilistica, promuovendo una mobilità sostenibile ed efficiente. Tra le tecnologie rivoluzionarie che stanno guidando questa trasformazione spicca la frenata rigenerativa, un elemento chiave che può giovare molto all’auto. In questo articolo, esploreremo in dettaglio il funzionamento di questa innovazione.

Auto elettriche frenata rigenerativa
Il futuro della mobilità sostenibile è in azione – Pontilenews.it

La frenata rigenerativa è un processo innovativo che permette alle auto elettriche e ibride di catturare e riciclare parte dell’energia cinetica generata durante la frenata e la decelerazione. Questo avviene attraverso l’impiego del motore elettrico del veicolo per rallentare l’auto e immagazzinare questa energia per usi futuri.

Invece di disperdere l’energia sotto forma di calore, come avviene nei sistemi di frenata tradizionali, la frenata rigenerativa la trasforma in energia elettrica che viene quindi immagazzinata nella batteria del veicolo, pronta per alimentare le successive accelerazioni o i sistemi elettrici a bordo.

Il processo di frenata rigenerativa si sviluppa in diverse fasi

Quando il conducente rilascia l’acceleratore o preme il pedale del freno, il sistema di controllo dell’auto riconosce la necessità di convertire l’energia cinetica in energia elettrica. Una volta rilevata la decelerazione, il motore elettrico dell’auto entra in modalità generatore. In questa configurazione, il motore inizia a funzionare all’indietro, trasformando l’energia cinetica in energia elettrica. La decelerazione genera energia cinetica che fa girare il motore elettrico, trasformandola in corrente continua.

Frenata rigenerativa
Un’auto elettrica sfrutta la frenata rigenerativa per catturare energia cinetica, aumentando l’efficienza e riducendo l’usura dei freni – Pontilenews.it

L’energia elettrica prodotta durante la frenata rigenerativa viene memorizzata nella batteria dell’auto, pronta per il suo successivo utilizzo durante l’accelerazione o per alimentare i dispositivi elettrici a bordo. La frenata rigenerativa non solo migliora l’efficienza energetica complessiva del veicolo, estendendo l’autonomia, ma anche prolunga la vita dell’impianto frenante e offre un’esperienza di guida più piacevole.

Questa tecnologia riduce la dispersione di energia durante la decelerazione, migliorando così l’efficienza globale delle auto elettriche e ibride. Poiché la frenata rigenerativa sfrutta il motore elettrico in decelerazioni leggere o moderate, l’usura dei componenti dell’impianto frenante è significativamente ridotta.

La frenata rigenerativa può essere programmata per offrire una decelerazione più graduale e fluida, migliorando il comfort di guida e riducendo lo stress per il conducente. Tuttavia, va notato che la frenata rigenerativa non è altamente efficace a velocità elevate o in situazioni di frenata di emergenza.

Allo stesso modo, quando la batteria è al 100% di carica, il sistema non può immagazzinare ulteriore energia cinetica recuperata. Questo sistema, invece, eccelle nell’uso urbano, caratterizzato da frequenti fermate e partenze, e durante i percorsi in discesa. La frenata rigenerativa è un tassello fondamentale nella costruzione di un futuro automobilistico più sostenibile ed efficiente.

Impostazioni privacy