Bambini piccoli al mare | Tutto quello che c’è da sapere per non correre rischi

Andare al mare con i bambini può essere una bella esperienza, ma ci sono cose che non si devono assolutamente fare. Ecco le regole da seguire per non correre rischi.

Portare i bambini piccoli al mare può essere un momento bello sia per i genitori che per i piccolini che in questo modo possono vivere un’esperienza nuova. Ma ecco cosa c’è da sapere per non correre rischi inutili e passare una giornata davvero bella.

bambini piccoli al mare cosa c'è da sapere rischi
Tutto quello che c’è da sapere per non correre rischi-Pontilenews.it

Passare una bella giornata al mare con i bambini può essere possibile, ma ci sono alcune regole che si devono seguire, soprattutto se si tratta di bambini più piccoli. Se per voi si tratta della prima estate con il bambino piccolo ecco alcuni consigli che dovete assolutamente rispettare. Dimenticate le giornate di relax a prendere il sole, fare il bagno e rilassarsi. Il bambino ha bisogno di aria di mare, ma anche di tantissime cure per cui ecco cosa fare per portare un bimbo in spiaggia senza stress. 

Portare i bambini molto piccoli al mare? Sì, ma seguendo queste regole dell’esperto: ecco cosa fare per non correre rischi

Sicuramente la prima regola da seguire, soprattutto per i neonati, è quella di non portarli al mare quando il sole è caldo. I piccoli non possono stare al contatto con il sole diretto, ma devono essere portati in spiaggia molto presto al mattino quando non c’è caldo e folla. L’orario ideale è fino alle 11.30 e poi dopo le 17. Ecco quali sono i consigli del pediatra Claudio Olivieri su cosa bisogna fare, e non fare assolutamente, quando si va al mare con i bambini.

bambini piccoli al mare cosa c'è da sapere rischi
Tutto quello che c’è da sapere per non correre rischi-Pontilenews.it

Il primo errore da non fare assolutamente, secondo l’esperto, è quello di esporre il bambino al di sotto dei 6 mesi al sole. Non è indicato per un neonato, così fragile, di andare in acqua o di essere esposto al sole, prima di questi mesi compiuti. Altro errore, da non fare assolutamente, è quello di dimenticare la protezione solare 50+. Metterla al piccolo è fondamentale fin da casa, per poi farlo più volte quando si è in spiaggia, soprattutto se il bambino entra in mare, e anche se c’è il filtro acqua.

Mai e poi mai usare il lenzuolo per coprire la carrozzina nel tentativo di proteggerlo dai raggi solari e non rimanere a mare tutta la giornata, nemmeno se si ha l’ombrellone o la tenda. Evitare quindi gli orari più caldi dalle 12 alle 16, che fanno malissimo ad adulti e bambini. Se qualcuno vi dice il contrario chiaramente non è proprio da tenere in considerazione!

Gestione cookie