Meteo, stop al caldo afoso ma sarà un’estate molto diversa dal solito: cosa accadrà nei prossimi giorni

Il clima è già cambiato e sta cambiando. Assisteremo a un’estate molto particolare, già a partire dai prossimi giorni. Parlano gli esperti

I cambiamenti climatici non dovrebbero più sorprenderci, ormai. Dovrebbero però farci preoccupare, perché sempre più spesso assistiamo a stagioni anomale. Tutto ciò è frutto dell’azione dell’uomo sul pianeta: per esempio, l’estate in cui siamo appena entrati sarà molto particolare. Ecco cosa dicono gli esperti.

Che estate vivremo sotto il profilo meteorologico?
Sarà un’estate molto particolare sotto il profilo meteorologico foto: Ansa – (pontilenews.it)

Sono ormai all’ordine del giorno, infatti, gli eventi estremi e, a volte, catastrofici. Il mondo ci sta lanciando più di un segnale e non dovremmo affatto ignorarlo. Dopo averla aspettata tanto, anche ciò che vivremo in questa estate 2023, infatti, è tutt’altro che “normale”. 

Il mese di maggio, infatti, è stato insolitamente fresco. E anche il mese di giugno che ormai volge al termine è stato assai diverso rispetto a come lo vivevamo negli scorsi anni. E, purtroppo, sono ancora negli occhi gli eventi tragici che hanno interessato regioni come l’Emilia Romagna. Ma anche i prossimi giorni ci riserveranno parecchie sorprese. Ecco cosa accadrà secondo le previsioni degli esperti di meteo.

Estate particolare sotto il profilo meteorologico

Il mese di luglio ormai alle porte vedrà una maggiore stabilità atmosferica rispetto alle precedenti settimane. Tuttavia, anche il settimo mese del 2023, solitamente tra i più caldi e sereni, porterà con sé qualche anomalia, come sostengono gli esperti di previsioni meteo.

Estate 2023: il clima previsto
Le previsioni meteo per l’estate 2023 foto: Ansa – (pontilenews.it)

Assisteremo infatti a un mese di luglio molto particolare dato che continueranno a esserci situazioni di instabilità, ma molto veloci, repentine e rapide. Non sarà una costante, ma al Nord e su parte del Centro continueranno a verificarsi alcuni fenomeni temporaleschi, soprattutto nelle ore pomeridiane. Una caratteristica che troveremo molto meno al Sud. L’Anticlone delle Azzorre impedirà al caldo africano di risalire la Penisola, bloccando l’avvento di temperature troppo esagerate.

In particolare, in questi ultimi giorni di giugno e nei primi di giugno, al Centro-Nord l’aria sarà più fresca e, proprio a cavallo del passaggio da giugno a luglio, in quelle zone si verificheranno ancora episodi temporaleschi. In generale, assicurano gli esperti, avremo un’estate meno calda, con fenomeni piovosi più frequenti del solito e molto più vicina al modello dell’“estate mediterranea”. Arriveranno sì picchi di grande caldo, soprattutto al Sud, ma di durata molto limitata. In questi giorni, al Sud, le temperature dovrebbero oscillare tra 28-32°C. Il caldo, invece, sarà sempre più contenuto al Nord.