Primarie Usa 2016: a New York trionfano Trump e la Clinton I due sono ormai a un passo dalla candidatura ufficiale per la corsa alla Casa Bianca - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

20-04-2016

Primarie Usa 2016: a New York trionfano Trump e la Clinton

I due sono ormai a un passo dalla candidatura ufficiale per la corsa alla Casa Bianca


Responsive image
I giochi sono fatti. A pochi metri l'uno dall'altro, Donald Trump e Hillary Clinton festeggiano la conquista della Grande Mela. Entrambi, ormai, sono a meno di un passo dal ritenersi i candidati ufficiali dei loro partiti per il rush finale: la corsa alla Casa Bianca. I due, infatti, travolgono i loro avversari di partito Bernie Sanders e Ted Cruz e difficilmente questi, nell'ultimo appuntamento delle primarie a giugno in California, potranno ribaltare i risultati.
 
 
 
Sul versante repubblicano, il Tycoon ha letteralmente schiacciato i suoi avversari ottenendo il 60% dei voti contro il 25% di Kasich e il 14% di Cruz. Un successo oltre ogni pronostico della vigilia e che gli ha consentito di accaparrarsi quasi tutti i 95 delegati in palio, avvicinandolo alla soglia di 1.237 rappresentanti che blinderebbe la sua nomination. “Ormai - ha dichiarato il magnate americano dopo la vittoria - questa non è più una gara, perché Cruz non ha più alcuna possibilità matematica di vincere”. Quindi, abbandonando i soliti toni denigratori e entrando nei panni della campagna elettorale, ribadisce le sue linee: "Le aziende americane vanno all'estero, gli immigrati illegali sono trattati meglio dei nostri veterani. L'Obamacare è un disastro. Tutto questo finirà". Poi si concentra sui temi dell’economia e della disoccupazione, decisivi per conquistarsi i favori di tutti quegli Stati che prossimamente andranno al voto, come la Pennsylvania e il New Jersey. Tuttavia, il successo di Trump continua a far storcere il naso al suo stesso partito che continua a sognare di poterlo rimpiazzare con qualche altro candidato rimasto fuori corsa. Visti i risultati di ieri sera, però, l'impresa sembra davvero impossibile.
 
 
 
Sul versante democratico, invece, Clinton ha ottenuto il 57% dei voti, contro il 42% di Sanders. Il suo successo, pur meno schiacciante di quello di Trump, è il risultato più importante della serata perché ha permesso alla ex first lady di riprendersi il ruolo di favorita, interrompendo quella serie di vittorie (ben otto) conquistate nelle ultime votazioni da Sanders. Dalle analisi dei flussi di voto, Clinton ha ottenuto le preferenze di tutti i gruppi etnici e sociali accaparrandosi quella vittoria ampia che l'ambiente democratico si auspicava. L'esito delle votazioni però era già nell'aria. Il senatore del Vermont nel pomeriggio era già partito per la Pennsylvania, prossima al voto. Da lì si è congratulato con Clinton, ribadendo, però, la sua volontà di non mollare: "Ho ancora delle chance". Clinton ha replicato al suo avversario di partito, cercando di attenuare quei contrasti che nelle ultime settimane erano sembrati assai profondi e limitandosi a dire: "Sono più le cose che ci uniscono che quelle che ci separano". Toni più accesi, invece, nei confronti dei suoi avversari repubblicani: "Gente come Trump e Cruz spinge verso un'America divisa e francamente pericolosa. Invece di costruire muri noi abbatteremo le barriere". Poi anche lei prosegue enunciando le sue linee: "Nessuno in America deve vivere con lo spettro della discriminazione e della deportazione. Bisogna aiutare le persone e aiutarci l'un l'altro, gay, musulmani, uomini e donne". E poi, per concludere, un "grazie New York".
di Stefania D'Agostino
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

L'età del caos. Viaggio nell'America di Donald Trump
Dal 29 al 30 gennaio uno spettacolo di giornalismo al teatro Vittoria di Roma

CULTURA | 22-01-2018

Responsive image

Usa, dopo Weinstein è il turno di Trump: il presidente indagato per molestie sessuali
«Quando sei una star, le donne te lo lasciano fare». Lo aveva dichiarato il tycoon nel 2005

ESTERI | 16-10-2017

Responsive image

Donald Trump:«You’re fired». Tutti gli uomini (licenziati) dal presidente
Da Anthony Scaramucci, passando per Sally Yates, fino a James Comey

ESTERI | 01-08-2017

Responsive image

#Covfefe, Donald Trump svela la password per il lancio nucleare?
Un refuso sul profilo Twitter del presidente scatena la fantasia della community

ESTERI | 31-05-2017

Responsive image

Responsive image

Trump e la 'Bestia': il presidente arriva a Roma con il suo mezzo speciale
La Capitale sarà blindata per 24 ore da martedì 23 maggio

POLITICA | 22-05-2017

Responsive image

Trump, il muro con il Messico è rimandato ma ‘si farà’
Divisioni in seno al Congresso allungano i tempi. Ma il presidente americano non si arrende

ESTERI | 26-04-2017

Responsive image

Tutti contro The Donald: Starbucks, Google, Facebook e Apple boicottano Trump
Starbucks risponde al decreto anti-immigrazione con l’assunzione di 10 mila immigrati

ESTERI | 30-01-2017



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia