Audrey Hepburn, l'eterna ragazza maestra di vita e di eleganza L'attrice britannica avrebbe compiuto oggi 87 anni - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CULTURA

 

04-05-2016

Audrey Hepburn, l'eterna ragazza maestra di vita e di eleganza

L'attrice britannica avrebbe compiuto oggi 87 anni


Responsive image

Affascinante e raffinata. Icona di bellezza e di eleganza. Due grandi occhi scuri in un viso armonico e luminoso di eterna ragazza. Come la principessa Anna di Vacanze Romane. Era questa Audrey Hepburn che, se fosse viva, avrebbe festeggiato oggi il suo 87esimo compleanno. Chissà, forse facendosi, a colazione, un regalo da Tiffany, come la protagonista di uno dei suoi più celebri film. Vincitrice di un Oscar, di tre Golden Globe, di un Emmy, di un Grammy Award, di quattro BAFTA, di due premi Tony e di tre David di Donatello, Audrey Hepburn fu una delle attrici più famose del cinema statunitense degli anni cinquanta e sessanta. Al terzo posto, secondo L’American Film Institute, tra le più grandi star della storia del cinema.

 

Esile, per nulla simile allo stereotipo femminile dell’epoca, e vestita con abiti accollati, l’attrice britannica seppe presto conquistare con i suoi modi regali e il suo look "diverso" il cuore del grande pubblico. Tutte le donne, infatti, devono a lei il tubino nero nell’armadio. Da indossare, perché no, come la Holly Golightly di Colazione da Tiffany, con un filo di perle e con un grande paio di occhiali da sole scuri. Guai però a dimenticare l'accessorio più importante per una donna, «il sorriso: il più bello che possa indossare». Una donna d’altri tempi, quindi, Audrey Hepburn: semplice, riservata e lontana dalla mondanità. Ma sicuramente una donna altruista: poco prima di morire per un cancro al colon nel 1993, divenne ambasciatrice dell'Unicef.

 

Una donna poliedrica che, prima di approdare al cinema, sperimentò la danza e poi il teatro. Per diventare, ancora, cuoca, giardiniera e mamma nella sua casa a Roma dopo il matrimonio con lo psichiatra Andrea Dotti. «La mia vittoria più grande è stata quella di essere capace di convivere con me stessa, di accettare i miei difetti...Sono molto lontana dall'essere umano che vorrei essere. Ma ho deciso che non sono tanto male, dopo tutto», rimarrà una delle sue frasi più celebri oltre che un monito per tutte le donne. 

di Valeria De Simone
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Audrey Hepburn: non solo tubino e filo di perle
L'amore per la sua famiglia e l'impegno per i più deboli erano al primo posto per l'attrice

CULTURA | 04-05-2018

Responsive image

Vacanze romane. Patrick Dempsey e i Red Hot turisti per caso nella Capitale
È partita così la 'caccia al vip' per le fan

CULTURA | 24-07-2017

Responsive image


POLITICA

Responsive image

Di Maio torna con una nuova proposta: le possibili imminenti elezioni fanno paura al pentastellato

Lo spostamento di Savona agli Interni ha riaperto uno scenario che sembrava tramontato

CRONACA

Responsive image

Racconto di una bella avventura che termina tra ricordi e riflessioni

Due anni di Pontilenews, di mare, di Ostia, di giornalismo



SALUTE

Responsive image

Cicciobello Morbillino è diventato un caso

In merito si è espresso anche il medico Roberto Burioni

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Come rispondere al fenomeno dilagante delle “fake-news”?

Numerose fondazioni, enti ed università hanno provato a proporre soluzioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Scontri Liverpool. Il ritorno Roma-Liverpool fa paura: se si ripetessero gli episodi di 34 anni fa?

Gravissime le condizioni del tifoso inglese rimasto ferito negli scontri di mercoledì

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia


Responsive image