Attentato a Tel Aviv: Hamas rivendica In Palestina festeggiano ma Netanyahu promette pugno duro contro il terrorismo - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

09-06-2016

Attentato a Tel Aviv: Hamas rivendica

In Palestina festeggiano ma Netanyahu promette pugno duro contro il terrorismo


Responsive image

Torna il terrore a Tel Aviv, in Israele. È di quattro morti e sei feriti, di cui due in condizioni critiche, il bilancio delle vittime di un attacco terroristico avvenuto ieri sera alle 21,30 nel centro commerciale Sarona, situato nel cuore della città. Due cugini palestinesi, provenienti dall’area di Hebron, hanno seminato il panico aprendo il fuoco su clienti e passanti del centro.

 

Attimi concitati e di terrore. Dalla ricostruzione dei fatti, i due attentatori, vestiti elegantemente e non da ebrei ultraortodossi come era stato riferito da qualcuno, hanno trascorso parte della serata cenando tranquillamente a un tavolo del ristorante Max Brenner. Due ragazzi come tanti altri, riferiscono i testimoni, che all’improvviso si sono alzati e sono passati all’azione, aprendo il fuoco sui passanti e sui clienti dei locali vicini. La sparatoria è durata circa un minuto, poi i due sono fuggiti ma nei pressi della Cinemateque uno dei due palestinesi è stato ferito gravemente da un poliziotto. L’altro è riuscito a proseguire ancora per un chilometro prima di essere bloccato e arrestato. Nelle prime versioni fornite, si era parlato anche di un terzo uomo, sfuggito alla cattura, ma il capo della polizia locale Moshe Edri ha smentito la notizia. I feriti sono stati portati ai due ospedali più vicino, dove tre delle vittime sono morte.

 

A Hebron la notizia dell’attentato sarebbe stata accolta da festeggiamenti. Hamas ha rivendicato l'attacco affermando che gli esecutori appartengono alla sua organizzazione. “Gloria e saluti agli autori della sparatoria al Sarona Market” ha scritto su Twitter il leader dell’organizzazione, Ismail Haniyeh, che ha poi definito l’attacco "eroico" e "un messaggio per i ragazzi della resistenza ai leader dell'occupazione". Il leader ha poi avvisato che altri attacchi del genere avverranno durante il mese del Ramadan, che è appena iniziato. I due palestinesi arrestati sono stati identificati come Muhammad e Khalid Muhamra, entrambi ventunenni e originari di Yatta, un villaggio della Cisgiordania non lontano da Hebron. Le autorità hanno comunicato che i due sono entrati illegalmente in Israele ma non hanno precedenti. La polizia indaga e ha già interrogato i familiari dei due ragazzi, facendo irruzione nei loro appartamenti poco dopo l’arresto. Nel frattempo, il generale Yoav Mordechai, coordinatore delle attività del governo nei territori, ha annullato ben 204 permessi di lavoro per i membri della famiglia degli assalitori.

 

Il Premier Benjamin Netanyahu, rientrato di corsa dalla Russia, ha promesso pugno duro contro il terrorismo: “Ritengo sia stata evitata una tragedia ancora peggiore grazie all’intervento fondamentale dei cittadini, degli agenti di sicurezza, della polizia. Continueremo a colpire gli attentatori e a difendere chi va difeso” ha dichiarato agli organi di stampa. E intanto, dal governo israeliano giunge puntuale la prima rappresaglia. Ai palestinesi sono stati congelati tutti i permessi per il Ramadan, specialmente quelli per le visite di famiglia dalla Giudea e Samaria in Israele. Il provvedimento va a colpire circa 83mila palestinesi e 200 residenti di Gaza che avevano già ricevuto i permessi per poter far visita ai loro parenti durante il Ramadan.

di Stefania D'Agostino
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Gerusalemme, attentato alla fermata della metro: morti due israeliani
L'attentatore, un 39enne palestinese che ha sparato contro la folla, è stato ucciso dalla polizia

ESTERI | 09-10-2016

Responsive image

Per Israele non c’è tregua e oltre ad Hamas si fa strada il terrore dell’Isis
L’Isis minaccia il popolo ebraico della Terra Santa con un annuncio che fa prevedere il loro arrivo molto presto

CRONACA | 23-10-2015

Responsive image

Gerusalemme: l’intifada dei coltelli non cessa, ennesimo attentato
Hamas manda a morire il suo popolo inerme approfittando del loro dissenso per una causa che la Palestina non vincerà armata di coltello

CRONACA | 13-10-2015



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia