Sgarbi, non sempre gli insulti finiscono nel modo migliore: con un risarcimento, sì Il personaggio è stato accusato di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

30-06-2016

Sgarbi, non sempre gli insulti finiscono nel modo migliore: con un risarcimento, sì

Il personaggio è stato accusato di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale


Responsive image

Si salvi chi può: verrebbe da dire questo ogni qual volta apre bocca e neutralizza il “nemico”. Forse, non è un caso che nella sua biografia ufficiale venga dipinto come un personaggio «dalle indiscusse qualità dialettiche», con «capacità di rivolgersi in modo diretto, semplice, ironico e efficace». Molto efficace. Di chi stiamo parlando? «Capra ignorante» dovrebbe chiarire ogni dubbio: è Vittorio Sgarbi, il re degli insulti. Eppure, prima di aprire bocca bisognerebbe contare almeno fino a dieci, come si suol dire, oppure, valutare il “nemico” che si ha di fronte, soprattutto se ha una divisa. Il re degli insulti è stato colpito e affondato, e ora dovrà aprire il portafogli ed elargire un risarcimento.

 

I fatti risalgono al maggio del 2015, durante l’Expo di Milano. Ai “vip” non tutto è concesso, nemmeno pretendere di giungere a bordo dell’automobile (con tanto di autista) nei pressi di un ingresso dell’area espositiva senza accredito e guidando contromano. O Sgarbi o il suo autista sembrano aver dimenticato il codice della strada, e il “re degli insulti”  anche l’educazione. Dopo essere giunto in quest’area, Sgarbi si sarebbe scagliato contro dei carabinieri presenti sul posto (non è difficile immaginare come lo abbia fatto). Oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale: queste le accuse mosse nei confronti del noto critico d’arte, in seguito al diverbio intrattenuto con dei carabinieri, uno dei quali sarebbe stato etichettato come un «fascista».

 

Ora, i soldi non fanno la felicità, eppure aiutano, soprattutto a far scomparire le accuse: così sembra essere per Vittorio Sgarbi che, grazie a un risarcimento di undicimila euro (diecimila a quattro carabinieri, e mille all’Arma), sarà assolto dall’accusa di oltraggio. Per la resistenza a pubblico ufficiale, invece, non vi è stato nulla da fare: il capo d’imputazione resta e per quest’ultimo è stato disposto il rito abbreviato. Tutto bene quel che finisce bene: con i soldi si cancellano anche le accuse. 

di Giulia Morici
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Sgarbi, anche sul trono più alto del mondo si sta seduti sul proprio sedere
Il noto critico d’arte questa volta è stato filmato nudo

CULTURA | 15-05-2017

Responsive image

Sgarbi: 'Sindaca e ministra? Boldrini è una zucca vuota e una capra'
La lotta di grammatica politichese continua

POLITICA | 04-01-2017

Responsive image

Prostituzione minorile, Sgarbi difende Vissani: uomini poverini e ragazzine seduttive
La polemica contro il cuoco è iniziata nel programma televisivo Tagadà di La7

CRONACA | 09-03-2016

Responsive image

Vittorio Sgarbi: ricoverato in ospedale per un malore
Il critico è stato operato d’urgenza questa notte al Policlinico di Modena e ora si trova in terapia intensiva. Tanta paura ma le condizioni di salute sarebbero buone

CRONACA | 17-12-2015

Responsive image

Responsive image

Beppe Grillo condannato per diffamazione, dopo l'accusa di 'incoerenza' per l'avvistamento con Sgarbi
Il leader del M5S condannato a un anno di reclusione per aver diffamato Franco Battaglia, docente del dipartimento di Ingegneria dell'Università di Modena e Reggio Emilia. L'episodio risale al 2011

POLITICA | 14-09-2015



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia