Erdogan tra epurazioni di massa e leggi: annullato il reato di pedofilia Per le associazioni umanitarie tale decisione è una sorta di amnistia per quanti convolano a nozze con 'le spose bambine' - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

ESTERI

 

21-07-2016

Erdogan tra epurazioni di massa e leggi: annullato il reato di pedofilia

Per le associazioni umanitarie tale decisione è una sorta di amnistia per quanti convolano a nozze con 'le spose bambine'


Responsive image

Colpa dell’inadeguatezza dei servizi di intelligence. E giù tutta una serie di precisazioni per far capire come i servizi segreti siano spesso fallaci. Questione di qualità degli uomini più che della tecnologia. Così Erdogan ha spiegato a un giornalista di Al Jazeera come mai un colpo di stato, che avrebbe coinvolto anche potenze straniere, non sia stato sventato dagli 007 turchi. Il presidente turco ha accennato a uno stato parallelo che era stato organizzato dai suoi avversari politici, avendo a loro guida Gulen.

 

Intanto continuano purghe ed epurazioni in massa, che sono già 60.000 e i dubbi di molti che si sia trattato di una farsa diventano quasi certezza. Sono i dati a dirlo. Dopo poche ore dalla fine del golpe era già pronta la lista di 3000 giudici da rimuovere dal posto. Nel frattempo sono stati sospesi decine di migliaia di insegnanti, dimissionati 2000 fra professori e rettori universitari, fra cui il rettore dell’Università di Ankara, operati 10.000 arresti, rimossi 492 imam e 113 esponenti del sistema giudiziario, fra cui due giudici costituzionali. E ancora indagati tutti i giudici e procuratori militari, e di questi già sospesi 262. Pronta, inoltre, come se non bastasse, anche la nutrita lista, ben 24, delle Radio e delle TV a cui ritirare la licenza. Elenchi di avversari politici che non si redigono in poche ore grazie a chissà quale efficienza delle autorità di polizia dal momento che egli stesso ha ammesso addirittura l’inefficienza di quel corpo che dovrebbe essere il primo baluardo della prevenzione: gli agenti segreti.

 

Ma Erdogan esprime tutta la sua indignazione per i sospetti che gravano su di lui: "Abbiamo perso 246 persone, compresi quelli travolti dai tank, e 1.500 feriti. Come possono continuare a dire cose contro di me?", Di certo, se non è stata una farsa è un evento che Erdogan si aspettava e che ha monitorato sinché il frutto non è maturato, offrendogli l’occasione per una “riforma costituzionale” sui generis. Lo ammette lui stesso: "Già prima avevamo molti sospetti, ma non potevamo agire per il rispetto della legge", ha detto per giustificare la rapidità della repressione operata. Intanto, la folla a cui s’è appellato la notte del golpe continua ad occupare le piazze per gridare a Gulen: "Cane del diavolo ti impiccheremo".

 

Obama e la Merkel chiedono a Erdogan di rispettare i diritti umani. Piccata la replica del presidente turco: "Per 53 anni abbiamo bussato alla porte dell'Unione europea e ci hanno lasciato fuori, mentre altri entravano. Se il popolo decide per la pena di morte, e il Parlamento la vota, io la approverò". Intanto proseguono a tutto spiano i colpi di testa di Erdogan anche per quanto riguarda la legislatura vigente nel Paese. Il Presidente, infatti, ha appena fatto annullare per mano della Corte Costituzionale il reato di pedofilia per atti sessuali compiuti con minori di quindici anni.

 

Ben sei giudici su sette si sono espressi a favore dell’abrogazione del reato ritenendo che la legislazione vigente è inadeguata, non consentendo di distinguere tra abusi sui bambini più piccoli e su quelli di adolescenti, dai dodici anni in su, che potrebbero essere consapevoli dell’atto sessuale. Esplode la protesta delle associazioni di diritti dei minori che ritengono tale decisione una sorta di amnistia per le nozze con “le spose bambine” che in Turchia sono già 3.5 milioni. Le associazioni umanitarie hanno già annunciato che presenteranno presto alla Corte europea un’istanza per l’annullamento della norma che entrerà in vigore nel 2017. 

di Stefania D'Agostino
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Erdogan a Roma. Salvini: 'Mi vergogno che l'Italia ospiti un estremista sanguinario'
Proteste e Capitale blindata. Il presidente turco chiederà di entrare in Europa

CRONACA | 05-02-2018

Responsive image

Terremoto di magnitudo 6.7 in Grecia. Morti sull'isola di Kos
La violenta scossa è stata avvertita su tutta la costa turca meridionale e sulle isole greche. È seguito un piccolo tsunami

ESTERI | 21-07-2017

Responsive image

Turchia. Attentatore identificato ma ancora a piede libero
Attrito tra Obama e premier turco

ESTERI | 04-01-2017

Responsive image

Onu, Giornata internazionale delle bambine e delle ragazze: qual è il posto peggiore dove nascere?
Save the Children lancia un rapporto: i matrimoni precoci sono la principale barriera

ESTERI | 11-10-2016

Responsive image

Responsive image

Turchia: fuori 38mila detenuti dalle carceri, dentro i golpisti. Il colpo di stato diventa un film
Libertà condizionata per gli scarcerati, nessuna “amnistia” precisa il ministro della Giustizia. Gulen condannato a due ergastoli

ESTERI | 17-08-2016

Responsive image

Quando Erdogan chiama, la Turchia risponde
Oltre un milione di persone in piazza a Istanbul su invito del Presidente: ‘Restiamo uniti, fratelli’

ESTERI | 08-08-2016

Responsive image

Turchia e il pasticcio Gulen: arriva il mandato d’arresto. È scontro con Washington
I rapporti con gli Usa si infuocano, mentre l’Occidente continua a tuonare contro il presidente Erdogan

ESTERI | 05-08-2016



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia