Roma, retrospettiva su Claudio Caligari al Gasometro Tre giorni per rivivere la borgata vista dal maestro - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CULTURA

 

12-09-2016

Roma, retrospettiva su Claudio Caligari al Gasometro

Tre giorni per rivivere la borgata vista dal maestro


Responsive image

Dal 14 al 16 settembre, al Gasometro di Roma, verrà rivissuto il regista capitolino Claudio Caligari attraverso la proiezione delle tre opere che ha prodotto nell’arco della sua vita. L’evento, “Retrospettiva Claudio Caligari”, porterà ai piedi del Gasometro i lungometraggi in tre diverse serate, tutti alle 21:15: il 14 settembre Amore tossico, il 15 settembre L’odore della notte, il 16 Non essere cattivo, seguendo così la linea di produzione del maestro. L’evento è raggiungibile dalla fermata Garbatella della Metro B o dalla fermata Piramide (Metro B o Roma-Lido); in auto da via del Porto Fluviale si trova all’altezza del Ponte dell’Industria, da Lungotevere Vittorio Gassman l’ingresso è al Ponte della Scienza. L’ingresso è gratuito e fino a esaurimento posti.

 

Scomparso il 26 maggio 2015, Caligari ha raccontato una delle tante facce di Roma, una di quelle più segnate dagli eventi della vita e dalla difficoltà di condurre un’esistenza ai margini. Particolarmente interessato a Ostia, dove ha girato gran parte delle scene dei suoi film, ha iniziato nel 1983 con Amore Tossico. Ostia, la periferia facente parte di Roma, sì, ma ben lontana dalla realtà metropolitana della Capitale. Lì il regista fa semplicemente vivere la loro vita a Enzo, Cesare e Ciopper, puntando sul neorealismo e mettendo davanti alla macchina da presa attori presi dalla strada che potessero raccontare cos’è effettivamente la realtà che interessava a Caligari: la borgata piegata dalla droga.

 

Nel 1998 esce la seconda opera di Caligari, L'odore della notte, che consacra Valerio Mastrandrea come antieroe nei panni di Remo, un poliziotto romano che di notte cambia faccia e si presta a una serie di rapine a personaggi della Roma bene. Il lungometraggio vede la partecipazione di Marco Giallini, Giorgio Tirabassi e Emanuel Bevilacqua, il quale parteciperà poi alla successiva e ultima pellicola. Sorpassando l’umorismo amaro della realtà disegnata da L’odore della notte, nel febbraio 2015 il maestro inizia le riprese di Non essere cattivo, il film che, oltre a consacrare i più che promettenti Luca Marinelli e Alessandro Borghi, riprende il filone di Amore tossico per raccontare la vita al limite di due ragazzi di borgata. Tre giorni per rivivere un regista che ha dato tanto a Roma, a Ostia in particolare, dando voce a chi spesso non ha la forza di farsi sentire.

di Andrea Graziano
 





Responsive image
Responsive image





Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia