Terremoto Marche, 100 scosse in una notte I 4 mila terremotati della provincia di Macerata sono sistemati in strutture provvisorie - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

28-10-2016

Terremoto Marche, 100 scosse in una notte

I 4 mila terremotati della provincia di Macerata sono sistemati in strutture provvisorie


Responsive image

Amatrice non è poi così lontana. Le ferite sono ancora aperte e il ricordo va immediatamente alle 298 vittime dell’Appennino centrale. Ma la terra non smette di tremare e lo sciame sismico si sposta tra Marche e Umbria. La possibilità, che si debba parlare di un terremoto legato con quello del 24 agosto, è dovuta al fatto che i nuovi epicentri si trovano a nord dell’area sismica che aveva coinvolto Amatrice, Accumoli e tanti altri paesini limitrofi. Mentre avanza l’ipotesi che le scosse di mercoledì sera, 26 ottobre, siano state caricate dalle tensioni originate dal sisma di agosto, il sito dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) informa che 100 scosse sono state registrate nella notte. Principalmente con epicentro vicino a comuni delle province di Macerata e di Perugia.

 

Per i 4 mila sfollati della provincia di Macerata, sistemati in strutture provvisorie, in palazzetti dello sport e qualche tenda, la paura non finisce. Di queste 100 scosse, la più forte, una di magnitudo 3.4, è stata registrata a Fiordimonte, a 10 km da Ussica (Macerata). Il problema in questo momento è che in tutta l'area colpita dal sisma ci sono tantissimi edifici inagibili, e con l’inverno alle porte le preoccupazioni su un’adeguata sistemazione di lunga durata, per così tante persone, si fanno sentire. A questo proposito il premier Matteo Renzi rassicura: "Il terremoto ci sta mettendo a dura prova, ma l'Italia c'è, non lascia soli i cittadini, siamo più forti e ce la faremo". Al momento, per questioni di sicurezza, verifiche e sopraluoghi, fino al 31 ottobre numerose scuole rimarranno chiuse.

 

Si ricorda che il centro Italia, durante gli anni, ha registrato terremoti fortissimi. Come il sisma di magnitudo 7.2, che nel 1980 colpì in Irpinia causando seri danni anche in Calabria e a Napoli. Nondimeno, quello de L’Aquila nel 2009 con una magnitudo di 6,3. A evento concluso il numero definitivo fu di 309 vittime, oltre 1.600 feriti e oltre 10 miliardi di euro di danni stimati.

di Giulia Bordini
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Terremoto del Friuli-Venezia Giulia: 42 anni fa la regione cadeva per rialzarsi più forte di prima
La ricostruzione dopo il sisma del Friuli a confronto con quella dell'Irpinia

CRONACA | 06-05-2018

Responsive image

Terremoto Marche, presidente Ingv: «Possibile che la sequenza attivata nel 2016 duri ancora un anno»
Diverse le scosse di assestamento che hanno seguito il terremoto

CRONACA | 10-04-2018

Responsive image

Terremoto dell’Irpinia: quando l’arte fa tornare a vivere
Sono passati 37 anni da quel tragico 23 novembre

CULTURA | 23-11-2017

Responsive image

Messico, la terra trema ancora. Oltre 200 morti per il terremoto di magnitudo 7.1
Succede nel giorno dell'anniversario del terremoto che nel 1985 causò almeno 5mila morti

ESTERI | 20-09-2017

Responsive image

Responsive image

Catastrofe in Messico. Dopo il terremoto allerta tsunami
Magnitudo superiore a 8. L'epicentro del sisma sarebbe al largo della costa sud occidentale del Paese

ESTERI | 08-09-2017

Responsive image

Terremoto Ischia: quando la storia non insegna
Il 28 luglio 1883 un terremoto causò più di 2mila morti sull’isola di Ischia

CRONACA | 23-08-2017

Responsive image

Il Centro Italia trema ancora: scossa di magnitudo 4.2 nella notte
Epicentro tra le province di Rieti, L’Aquila e Teramo

CRONACA | 22-07-2017



CULTURA

Responsive image

L’intrattenimento guarda al futuro: come cambia secondo Sergio Brancato

Il modo di vivere delle persone è stato radicalmente cambiato dall’impatto del...




Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia