San Valentino, perché molti detestano la festa degli innamorati Dolci, fiori, regali e cene fuori: il 14 febbraio sta per arrivare - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CULTURA

 

06-02-2017

San Valentino, perché molti detestano la festa degli innamorati

Dolci, fiori, regali e cene fuori: il 14 febbraio sta per arrivare


Responsive image

C’è un momento dell’anno in cui il sistema nervoso viene messo a dura prova, specialmente se si è single. Quando tutto a un tratto le vetrine si riempiono di cuori, di frasi sdolcinate sull’amore e di poesie di dubbia provenienza letteraria. Cominciano a circolare biglietti romantici e immagini di baci appassionati, e nel frattempo le rose rosse arrivano a costare 10 euro all’una e i ristoranti lucrano sui menù a prezzo fisso. Si regalano cioccolatini e orsacchiotti di peluche e tutto è delizioso, troppo. C’è un eccesso di insulina, ci sono pubblicità e i motori di ricerca che dedicano uno spazio all’amore. Qualcuno la chiama festa degli innamorati e qualcun altro preferisce chiamarla con il suo nome proprio, San Valentino.

 

Per carità, si parte dal presupposto che ognuno sia libero di fare quel che vuole e che non ci sia niente di male nell’essere innamorati, ne tantomeno nell’esternarlo. L’amore è un sentimento rispettabilissimo, il più nobile tra tutti. Ciò che però non lo è altrettanto è che debba essere circoscritto a una festa che è diventata la solita farsa commerciale per sostenere i beni di consumo. Le coppie hanno cominciato a misurare l’amore con i regali invece che con la semplicità della persona che ha scelto di amarti ogni giorno. Per cui se il fidanzato non ti regala i fiori o non ti compra una scatola di dolcetti è una persona orribile e merita di essere lasciato. È una vera e propria guerra psicologica per cui si arriva a pensare che se non ci si adegua, ai negozi, ai fiori e ai regali, allora non si è romantici e non si tiene alla persona che si ha vicino. Dall’altra parte ci sono i sinlge, quelli che non hanno un partner nella vita, invece, che si dimenticano di essere amati tutti i giorni da qualcuno, da amici, fratelli, sorelle, genitori e parenti. Per stare bene con se stessi non serve per forza qualcuno con cui festeggiare San Valentino.

 

Insomma, che a dir si voglia il 14 febbraio arriverà anche quest’anno, puntuale come sempre. Per la gioia di qualcuno e, al contrario, il disinteresse di qualcun altro. Forse, però, è il caso di pensarci un attimo.

di Giulia Bordini
 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

A Ostia tutti in piazza a festeggiare la ‘Notte degli innamorati’
In occasione di San Valentino, appuntamenti artistici e culturali per festeggiare la festa degli innamorati

MUNICIPIO EVENTI | 13-02-2018

Responsive image

San Valentino, tre idee insolite per festeggiarlo in modo originale
Stanchi del solito mazzo di fiori? Sorprendi la tua dolce metà con una serata fuori dagli schemi

CULTURA | 13-02-2018

Responsive image

A San Valentino, dillo con uno spot
Ecco le pubblicità più belle sull'amore

CULTURA | 08-02-2018

Responsive image

San Valentino. 3 film d’amore non banali tra cui scegliere stasera
Che siate single o accompagnati questi film fanno per voi

CULTURA | 14-02-2017

Responsive image

Responsive image

Ostia, pioggia di cuori in via delle Baleniere
San Valentino si avvicina e la strada dello shopping si organizza

MUNICIPIO TERRITORIO | 09-02-2017

Responsive image

San Valentino, ad Acilia una cena per non sentirsi soli
A organizzarla la Parrocchia San Leonardo da Porto Maurizio

MUNICIPIO EVENTI | 06-02-2017

Responsive image

Marco Pantani: il campione ucciso due volte
A 12 anni dalla morte del Pirata è ancora forte il suo ricordo: restano intrisi di mistero alcuni scorci di quel lontano 14 febbraio 2004

CRONACA | 14-02-2016