'La classe': a teatro la paura del diverso E se fosse parte del programma nelle nostre classi? Amnesty International Italia approva - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CULTURA

 

03-04-2017

'La classe': a teatro la paura del diverso

E se fosse parte del programma nelle nostre classi? Amnesty International Italia approva


Responsive image

Cosa potrebbe accadere in una città europea che si ritrova vicino un centro rifugiati? Quali sono i meccanismi psicologici che si innescano soprattutto nei giovani adolescenti? 

Nello spettacolo teatrale “La classe” il regista Giuseppe Marini, sul testo di Vincenzo Manna, ha tracciato le diverse reazioni di una classe di studenti che si trova a combattere sia contro se stessa che contro “l’altro”. Emerge tutto: dalla violenza verso il diverso alla paura, dalla curiosità alla sfida, o ai drammi che i ragazzi vivono in casa.

Le istituzioni, rappresentate dalla figura del preside, non riescono a reagire e si discolpano accusando l’epoca storica piena di problemi, i genitori assenti, il bisogno di sicurezza e la loro stessa difficoltà con il “diverso”.

 

L’insegnante, ben interpretato da Andrea Paolotti, cerca di far uscire dai ragazzi i sogni e i disagi esistenziali, e li spinge, non senza rischi, ad affrontare le paure e a fare delle scelte sia nei confronti dell’altro sia nella vita.

Lo spettacolo ha avuto il patrocinio di Amnesty International Italia. Alcuni studenti delle scuole romane hanno anche seguito una serie di incontri-lezioni al fine di mettersi in discussione su questa tematica sempre più attuale. Perché non proporlo a tutte le scuole?

 

Non resta indifferente neppure il pubblico adulto grazie al parallelismo fatto con l’olocausto ebraico: potremmo dire anche noi, come fecero i paesi europei quando vennero alla luce i campi di concentramento, che non ne sapevamo niente? Che non potevamo immaginare un orrore simile? Lo possiamo fare nell’epoca di internet e della globalizzazione?

Ancora pochi giorni per assistere allo spettacolo  e contattare gli organizzatori per inserire altre classi nel progetto. Lo spettacolo è in scena al Teatro Marconi di Roma (viale Marconi 628e) fino al 9 aprile. Per info tel. 06/5943554.

di Concetta Gelardi
 





Responsive image
Responsive image




SALUTE

Responsive image

Cicciobello Morbillino è diventato un caso

In merito si è espresso anche il medico Roberto Burioni


Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Per l'estate 2018 previste 90 proiezioni gratuite al centro del porto turistico di Ostia