Piqué vs Spagna: calcio sì, politica no Dopo gli eventi di domenica, il difensore del Barcellona torna sulla questione referendum presentandosi in conferenza stampa - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

SPORT

 

04-10-2017

Piqué vs Spagna: calcio sì, politica no

Dopo gli eventi di domenica, il difensore del Barcellona torna sulla questione referendum presentandosi in conferenza stampa


Responsive image

La nazionale spagnola torna a prepararsi per le qualificazioni mondiali. Tra i convocati compare anche Geràrd Piqué, protagonista indiscusso degli ultimi giorni, insieme a tutti coloro che hanno votato per l’indipendenza della Catalogna. Il difensore del Barcellona, contro ogni aspettativa, ha deciso di presentarsi in conferenza stampa e rispondere ad ogni questione riguardante la sua condizione, in un periodo per lui poco sereno.

 

Occorre fare chiarezza sulla situazione. Dopo mesi di campagne a favore dell’indipendenza, domenica scorsa, in Catalogna, è andato in scena il referendum per staccarsi o meno dalla Spagna. I residenti nella regione meridionale spagnola hanno dovuto rispondere alla domanda: "Vuoi che la Catalogna diventi uno Stato indipendente sotto forma di Repubblica?". Stando ai dati riportati dal governo catalano, il 90% dei votanti ha risposto Sì. A votare si sono presentati 2.2 milioni di persone, su un totale di 5.3: troppo poco per ottenere il quorum. Il problema qual è? È che 391 seggi sono stati chiusi con la forza dalla polizia di Stato e dalla Guardia Civìl, seggi che avrebbero potuto assicurare la legittimità del referendum. L’azione della polizia ha generato perciò le proteste dei votanti, i quali, rivendicando il loro diritto di voto, hanno dato luogo a scontri che hanno portato al raggiungimento di 800 feriti. Alle accuse della Catalogna di ingiustizia da parte dello Stato, Madrid ha risposto con le dichiarazioni del premier Rajoy: «Non c'è stato un referendum per l'auto determinazione della Catalogna. Il voto è una messa in scena». Sulla questione è intervenuto anche il presidente della Commissione Europea Juncker invitando «tutti gli attori rilevanti a muoversi rapidamente dallo scontro verso il dialogo».

 

In questo clima teso, il calcio comunque non si è fermato. La scorsa domenica pomeriggio in programma c’era Barcellona-Las Palmas, partita della prima divisione spagnola (Liga). Nonostante la situazione e le richieste di annullamento, la gara è stata comunque disputata al Camp Nou, stadio principale di Barcellona e casa dell’omonima squadra, ma a porte chiuse. Alla fine della gara, ai microfoni dei giornalisti, è intervenuto il difensore dei blaugrana e accanito sostenitore dell’indipendenza catalana Piqué. A conoscenza degli esiti degli scontri tenutisi prima e durante la gara, il difensore non è riuscito a trattenere l’emozione, ed è scoppiato in lacrime, adirato dalle azioni della Guardia Civìl e della polizia. Il giocatore ha anche dichiarato: «Se per la Federcalcio o qualcun altro sono un problema farò un passo indietro e mi ritirerò dalla Nazionale prima del Mondiale».

 

A distanza di tre giorni, in vista del ritiro della nazionale, il numero 3 del Barcellona ha deciso di presentarsi in conferenza stampa e tornare sull’accaduto. Innanzitutto ha voluto prendersi le proprie responsabilità affermando: «Mi dispiace moltissimo per i miei compagni. Per colpa mia sono subissati di domande su di me e non mi sembra giusto». Poi per quanto riguarda la nazionale, ha ritrattato lo sfogo di domenica dicendo: «Ho pensato di lasciare la nazionale, ma ho deciso che era meglio restare e provare a girare la situazione. È una sfida complicata, ma se me ne andassi ora darei ragione a quella minoranza che fischia e insulta. Questa squadra è come una famiglia per me». In base al referendum si è espresso con una metafora “ di famiglia”: «La Spagna e la Catalogna sono come padre e figlio dove il figlio ha 18 anni e chiede di andare via di casa». In conclusione, la diatriba Spagna-Catalogna riporta alla mente el Clasico tra Real Madrid e Barcellona, le due squadre più importanti di Spagna. A tal proposito, spesso si è parlato di un rapporto burrascoso proprio tra Piqué, pilastro del Barcellona, e Sergio Ramos, capitano del Real Madrid che avrebbe creato divisioni nello spogliatoio della nazionale. All’ennesimo accenno sulla questione, il difensore ha risposto così: «Il rapporto con Sergio è fenomenale: andiamo talmente d’accordo che stiamo per aprire un’attività economica insieme». Insomma, anche se a livello politico la Spagna non sta vivendo un gran momento, almeno a livello calcistico può tirare un sospiro di sollievo.  

di Valerio Marcangeli

 

 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Incidente Catalogna: l'Italia piange le sette studentesse morte in Spagna
L'autista alla guida del bus Erasmus ha dichiarato:'Mi dispiace, mi sono addormentato'

CRONACA | 21-03-2016

Responsive image

Catalogna: incidente di un bus di studenti Erasmus, 13 vittime di cui 7 italiani
Si cercano ancora alcuni dispersi, mentre i ricoverati italiani sono 5 di 34 feriti

ESTERI | 21-03-2016

Responsive image

Spagna, sì all’indipendenza della Catalogna
Approvata la mozione che darà avvio alla secessione, ma Rajoy non ci sta

ESTERI | 09-11-2015



POLITICA

Responsive image

10 anni di Pd: tra malumori e scissioni, nozze di stagno del partito al Teatro Eliseo

L'evento in diretta dalla pagina Facebook ufficiale del Pd e da quella del segretario...

ESTERI

Responsive image

Usa, dopo Weinstein è il turno di Trump: il presidente indagato per molestie sessuali

«Quando sei una star, le donne te lo lasciano fare». Lo aveva dichiarato il tycoon nel...

CRONACA

Responsive image

CULTURA

Responsive image

Fine sì? Fine no?: gli Elio e le Storie Tese si sciolgono, davvero

Il gruppo annuncia la decisione con ironia, in un servizio mandato in onda ieri sera alle...



SALUTE

Responsive image

In Italia primo caso al mondo di tumore allo stomaco asportato con endoscopia

La paziente è stata in grado di lasciare l'ospedale tre giorni dopo l'intervento

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Falla nel Wi-Fi: connettersi non è più sicuro. Siamo tutti a rischio

A rischio di attacco hacker tutti i dispositivi connessi con reti protette da password


Responsive image

MUNICIPIO DEL MARE

Durante il sesto appuntamento con i cittadini, il candidato parlerà di sport e verde


Responsive image