Permesso retribuito per curare il cane: diritto riconosciuto per la prima volta in Italia Succede a Roma. Soddisfatto il presidente della Lega Anti Vivisezione Gianluigi Felicetti - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

12-10-2017

Permesso retribuito per curare il cane: diritto riconosciuto per la prima volta in Italia

Succede a Roma. Soddisfatto il presidente della Lega Anti Vivisezione Gianluigi Felicetti


Responsive image

Non è stato solo l’amore per il suo cane a spingere Anna, bibliotecaria dell’Università di Roma La Sapienza, a intraprendere una battaglia per vedersi riconosciuto un diritto, ma anche una necessità. La donna infatti ha chiesto due giorni di permesso retribuiti per assistere il suo cane, operato per una paralisi alla laringe, non potendo delegarne la cura a nessun altro, vivendo sola. La dipendente, alla richiesta di motivare la sua domanda di permesso, ha affermato di doversi occupare di un grave problema personale e familiare.

 

Inizialmente il permesso non le era stato concesso: non c’erano mai stati precedenti per l’assistenza di animali domestici. La donna ha deciso allora di contattare il presidente della Lav (Lega Anti Vivisezione) Gianluigi Felicetti che, assistendola con i dovuti supporti giuridici, è riuscito a far concedere alla donna il permesso retribuito, riconoscendolo come un diritto (lotta per cui l’associazione è attiva già da tempo). Il presidente infatti ha rintracciato la sentenza della Cassazione n° 34192 di dicembre 2016, in cui si stabilisce che la mancata cura di un animale configura reato di maltrattamento e di abbandono, peraltro condannato dalla Legge 727 del Codice Civile. L’Università allora, ricevuta la documentazione, tra cui il certificato medico del cane, ha concesso per la prima volta in Italia la possibilità di ottenere un permesso retribuito per l’assistenza di un animale domestico.

 

Il presidente della Lav è molto soddisfatto del risultato ottenuto: «Ora, con le dovute certificazioni medico-veterinarie, chi si troverà nella stessa situazione potrà citare questo importante precedente. Un altro significativo passo in avanti che prende atto di come gli animali non tenuti a fini di lucro o di produzione sono a tutti gli effetti componenti della famiglia. È un altro passo avanti verso un'organica riforma del Codice Civile che speriamo il prossimo Governo e il prossimo Parlamento avranno il coraggio di fare» (Ansa).

di Francesca Splendori

 





Responsive image
Responsive image


POLITICA

Responsive image

Governo o non Governo, questo è il problema: secondo tentativo per la Casellati

Proseguono le consultazioni. Entro venerdì la Presidente del Senato dovrà...

ESTERI

Responsive image

Cosa succede in Medio Oriente? Caos e guerre: il mondo resta a guardare.

Ci siamo chiesti a cosa è dovuto questo silenzio.

CULTURA

Responsive image

Quei prepotenti del Mep che tappezzano i muri di poesie

A noi è capitato di trovarli a Siena, ma i poeti urbani sono dappertutto



SALUTE

Responsive image

Cicciobello Morbillino è diventato un caso

In merito si è espresso anche il medico Roberto Burioni

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Come rispondere al fenomeno dilagante delle “fake-news”?

Numerose fondazioni, enti ed università hanno provato a proporre soluzioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Europa League. Follia Lazio: in sei minuti gettata via la semifinale

I biancocelesti crollano contro il modesto Salisburgo. Ora arriva il derby per provare a...

MUNICIPIO DEL MARE

Alla conferenza stampa di questa mattina presente anche Giuliana Di Pillo


Responsive image