‘Libere dolcezze’, dall’istituto penale minorile di Roma la merendina che sa di libertà Una merendina con doppio ripieno al latte e al cioccolato, per costruirsi un futuro - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CRONACA

 

14-11-2017

‘Libere dolcezze’, dall’istituto penale minorile di Roma la merendina che sa di libertà

Una merendina con doppio ripieno al latte e al cioccolato, per costruirsi un futuro


Responsive image

È in commercio la merendina chiamata Libere Dolcezze ideata e realizzata dai giovani detenuti dell’Istituto penale minorile di Casal del Marmo di Roma, in collaborazione con la Asl Roma 1. Il 13 novembre si è tenuta la presentazione ufficiale del progetto realizzato dai ragazzi, a cui hanno partecipato anche il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti, il direttore della Asl Angelo Tanese e il capo dipartimento Giustizia Minorile Gemma Tuccillo.

 

Il prodotto dolciario è il risultato di un laboratorio interno di pasticceria, della durata di cinque mesi, in cui uno chef esperto ha insegnato ai ragazzi i segreti di un mestiere. Il prodotto di tanto lavoro, il fagottino “Libere dolcezze”, grazie alla collaborazione con la Antonelli Srl, è stato confezionato e reso disponibile sul mercato romano. I ragazzi sono stati coinvolti in ogni fase di produzione: anche il logo e il packaging, infatti, sono il frutto di un laboratorio interno al carcere. «Al momento la merendina è disponibile nell'edicola di fronte al Colosseo, uno dei punti più frequentati d'Europa» spiega all’Ansa Liana Giambartolomei, direttore dell’istituto penale minorile, augurandosi di ampliarne la distribuzione. Augurio che viene accolto dal presidente Zingaretti che, secondo quanto riportato dall’Ansa, sembra intenzionato a coinvolgere alcuni ospedali nella distribuzione della merendina “Libere dolcezze”, magari partendo dall’ospedale San Filippo, posizionato a pochi metri dal carcere minorile di Casal del Marmo. Il direttore della Asl commenta così all’Ansa l’operato dell’istituto: «Anche questo è servizio pubblico: questo progetto nasce da una lunga tradizione di collaborazione tra la Asl e Casal del Marmo. E' un lavoro che ci arricchisce».

 

E arricchiti sono sicuramente i giovanissimi ragazzi del carcere, per cui “Libere dolcezze” rappresenta uno strumento per conquistarsi un futuro migliore. Investire nelle capacità e nelle competenze di questi minori può infatti costituire una via di fuga da quella vita malsana che li ha condotti all’istituto penale, dando loro delle possibilità preferibili a quelle che sono state offerte loro fino ad ora. Come riportato dall’Ansa, alla presentazione ufficiale del fagottino, i ragazzi si sono mostrati entusiasti e così hanno commentato «Io  pensavo che il mio tempo fosse bruciato, invece non è vero. Questo è un brutto posto, ma ora penso di avere un bel futuro». 

 


di Eleonora Savona

 





Responsive image
Responsive image


POLITICA

Responsive image

Non solo Di Battista: i più sentimentali ritiri dalla politica

Come si sono reinventati gli ex big della politica nostrana

ESTERI

Responsive image

9 novembre 1989: cade il Muro di Berlino. Dal 'Goodbye' a Lenin al progresso tedesco

A Berlino il simbolo della Guerra Fredda crollava portando la Germania a una nuova epoca

CULTURA

Responsive image

Roma, ‘100 presepi’ da tutto il mondo in mostra

Fino al 7 gennaio presso la Sala del Bramante dalle ore 10:00 alle 20:00 festivi compresi



SALUTE

Responsive image

In Italia primo caso al mondo di tumore allo stomaco asportato con endoscopia

La paziente è stata in grado di lasciare l'ospedale tre giorni dopo l'intervento

SCIENZE E TECNOLOGIA

Responsive image

Roma, Google Street View ci paparazza nelle stazioni metro

Dal 14 al 21 novembre tutti in posa in 11 stazioni


Responsive image

SPORT

Responsive image

Mondiali 2018. Come sarebbe andata con la nostra formazione?

Italia-Svezia: tridente ElSha-Immobile-Insigne

MUNICIPIO DEL MARE

Il tribunale del Riesame di Roma ha respinto l'istanza di scarcerazione


Responsive image