'Chiamami col tuo nome': ecco perché il film di Guadagnino merita l'Oscar L’ultimo film del regista italiano si è guadagnato quattro nomination agli Oscar - www.Pontilenews.it


Responsive image


Dialoga con PontileNews: 06.56566573 - redazione@pontilenews.it

CULTURA

 

27-02-2018

'Chiamami col tuo nome': ecco perché il film di Guadagnino merita l'Oscar

L’ultimo film del regista italiano si è guadagnato quattro nomination agli Oscar


Responsive image

"Chiamami col tuo nome" (Call me by your name) è un film del 2017 diretto da Luca Guadagnino, regista siciliano. La sceneggiatura è scritta da James Ivory ed è un adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di André Aciman. È il terzo e ultimo film della “trilogia del desiderio” di Guadagnino, dopo “Io sono l’amore” (2009) e A “Bigger Splash” (2015). La storia è ambientata nel Nord d’Italia degli anni Ottanta, il film racconta la storia d’amore tra Elio (Timothée Chalamet), un diciassettenne residente in Italia, e uno studente americano, Oliver (Armie Hammer). Fanno parte del cast anche Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel e Victoria Du Bois.

 

Il film è stato presentato in anteprima mondiale al Sundance Film Festival il 22 gennaio 2017, ed è stato successivamente distribuito nelle sale del Regno Unito il 27 ottobre 2017 e negli Stati Uniti il 24 novembre 2017. La pellicola è stata scelta dal National Board of Review e dall’American Film Institute come uno dei migliori film dell’anno. Ha ottenuto tre candidature ai Golden Globe 2018: come miglior film, miglior attore (Chalamet) e miglior attore non protagonista (Hammer). Ha inoltre ottenuto quattro candidature agli Oscar 2018: come miglior film, migliore attore (Chalamet), miglior sceneggiatura non originale e miglior canzone (Mystery of Love).

 

“Chiamami col tuo nome” parla di una storia d’amore tra due ragazzi raccontata senza mai cadere nello scandaloso o nello scabroso. Un film che, con delicatezza,  accompagna i due giovani nelle loro avventure della stagione estiva, periodo nel quale si svolge il film. Il tutto è raccontato come un battito d’ali di farfalla leggero, elegante, forte: una semplice constatazione di una infatuazione nata grazie alla complicità della stagione in cui è ambientata la vicenda. Un film che trova nei toni pacati con cui viene narrata la storia la sua forza.

 

di Nicholas Sabene

 





Responsive image

ARTICOLI CORRELATI

Responsive image

Oscar 2018. Ennesimo 'canestro' per Kobe Bryant, 'The shape of water' miglior film
Sul palco del Dolby Theatre sale anche Kobe Bryant grazie al suo Dear basketball

CULTURA | 05-03-2018

Responsive image

Oscar 2018: ecco tutte le candidature per la notte più lunga di Hollywood
Gli Academy Awards si terranno a Los Angeles il prossimo 4 marzo

CULTURA | 25-01-2018

Responsive image